| | letto 4 volte |

Caso Maiorana: trovati scarpa e sacco macchiato in scavi

Accertamenti in corso da parte dei Ris siciliani sulla vicenda Maiorana, nota famiglia di imprenditori palermitani scomparsi nel nulla il 3 agosto 2007 a Isola delle Femmine, a Palermo.

Gli investigatori, coordinati dai pm Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene, hanno ritrovato, nel corso di alcuni scavi, una scarpa e un sacco con macchie rosse. Dai primi rilievi effettuati e dalle prime ricostruzioni dei periti emerge che la scarpa estremamente deteriorata e il sacco erano ricoperti da uno spesso strato di materiale solitamente utilizzato nell’edilizia.

I reperti saranno sottoposti a indagini biologiche e si cercherà di capire se presentano tracce di acido o di combustione. Questi accertamenti seguono la riapertura dell’indagine disposta dalla Procura sulla base di alcune dichiarazioni raccolte. Antonio e Stefano Maiorana scomparvero dopo essersi allontanati dal cantiere di Isola delle Femmine, nel palermitano, dove stavano costruendo alcune abitazioni. Dalle testimonianze raccolte si sa che che i due operai salutarono i colleghi, lasciando negli uffici gli effetti personali e facendo quindi pensare che sarebbero ritornati sul posto di lavoro poco dopo. Altro aspetto: la loro auto, una Smart, è stata poi ritrovata nel parcheggio dell’aeroporto di Palermo, ma dai controlli risultò che i due non avevano preso alcun volo. Né le videocamere dello scalo furono utili agli investigatori.

La procura intanto indaga. Nei prossimi giorni verranno forniti indizi utili al chiarimento del caso, ancor oggi avvolto dal mistero, che ha dominato la cronaca siciliana per molto tempo.

Tags:

Commenti chiusi