| | 3.363 views |

Bando periferie, l’on. Sodano (5stelle) contro la sua città e gli agrigentini. Raccapricciante. Noi stiamo con Lillo Firetto. Sodano ritorna in Norvegia, sparisci

Solo ad Agrigento possono accadere certe cose. E smettiamola, per favore, di ricordare sempre Pirandello e le sue storie tutte agrigentine. Pirandello ci ha lasciati oltre mezzo secolo fa e non c’è più.

Oggi al posto di Pirandello (mi perdoni l’accostamento l’illustre premio Nobel) ci ritroviamo il grillino venuto ad Agrigento dai paesi freddi pronto ad azzannare uno scranno nella Camera dei Deputati approfittando dell’ondata di malumore che ha colpito mezza Italia.

Fin qui nulla di male. Diventa semmai assai antipatico il fatto che il Sodano invece di incatenarsi dinnanzi alla Camera per far arrivare i soldi letteralmente scippati alla “sua” città, così come in tanti altri Comuni, critica il sindaco di Agrigento per una “difesa di ufficio” davvero abominevole.

Strumentalizzare il fatto che nessuno è stato capace di preparare i relativi bandi (quanto c’è di vero nelle sue parole?), così come in altri trecentotrenta Comuni italiani, per accusare l’intera amministrazione comunale agrigentina è riprovevole.

Dica, invece il Sodano, con la scusa del “congelamento”, a cosa dovranno servire quei benedetti soldi che per Agrigento avrebbero rappresentato un vero e proprio sblocco del condotto di una imprenditoria e di una economia ormai ridotta al collasso. Anzi, inesistente.

I 5stelle hanno imperniato una campagna elettorale sul reddito di cittadinanza e adesso che hanno avuto contezza dell’enorme buco lasciato dai predecessori, non sanno da dove attingere per mantenere le promesse elettorali. Una cosa è certa: per il reddito di cittadinanza occorrono molti, molti soldini.

Speriamo sia soltanto una nostra falsa impressione, ma certamente non può e non deve passare inosservato il fatto che l’on. Michele, per difendere una allegra brigata nello sbando più totale, ha girato le spalle alla sua città. Anzi, da agrigentino puro avrebbe dovuto chiamare proprio il sindaco Firetto per correggere quelle eventuali anomalie (delle quali i pentastellati ne stanno facendo il cavallo di battaglia), sistemare le carte e spingere a Roma per raggiungere l’importante obiettivo.

Riqualificare attraverso il progetto “Girgenti” il 90% del nostro centro storico sarebbe stato davvero un miracolo. A partire da via Duomo, via De castro, via Sant’Alfonso, via Saponara, Santa Maria dei Greci, salita Sant’Antonio, via Serroy, via Santa Sofia, il Palazzo Tomasi e persino un tratto di via Atenea.

Sodano ha già dimenticato che in quelle vie ha preso il 90 per cento dei voti senza andare a bussare da nessuna parte. E questo, oggi, è il ringraziamento.

Firetto faccia la sua strada, metta in atto tutte le azioni possibili e immaginabili per riavere quello che ci è stato scippato. Noi stiamo con il primo cittadino di Agrigento.

Forse sarà stata una povera illusione, ma pensavamo di esserci liberati da un Sodano, l’ex sindaco pluripregiudicato che ha distrutto con condanna definitiva l’immagine della città di Agrigento, per ritrovarci, oggi, un altro Sodano (Michele, che ha rinnegato la parentela con l’ex senatore) che sicuramente la danneggia sotto altri aspetti.

Se sbagliamo qualcuno ci corregga: è o non è un danno economico catastrofico “congelare” quasi 30 milioni di euro (vedremo che fine faranno quando verranno messi al sole…) per una città in ginocchio come Agrigento?

Sodano (Michele) vattene di nuovo in Norvegia. Ascolta questo consiglio. Lascia il tuo posto a chi vuole bene ed ha a cuore questa città. Non fare il ruffiano dei 5stelle, Agrigento è morta.

Ma chi ce li ha mandati questi Sodani?

 

 

 

7 Risposte per “Bando periferie, l’on. Sodano (5stelle) contro la sua città e gli agrigentini. Raccapricciante. Noi stiamo con Lillo Firetto. Sodano ritorna in Norvegia, sparisci”

  1. giovanbattista perasso ha detto:

    Quoto quello che ha scritto Ernest limitatamente al fatto che mancano documenti fondamentali per l’ammissione al finanziamento, non sono d’accordo circa il personale tecnico del comune di Agrigento in quanto le risorse finanziarie limitate fanno si che non si possano effettuare le indagini geologiche e geognostiche propedeutiche alla redazione di qualsivoglia progetto esecutivo.

  2. ernest ha detto:

    Signore calmi…..da quello che ho letto non è che l’onorevole abbia detto qualcosa di assolutamente sbagliato, ha detto che mancano dei documenti fondamentali per l’ammissione al finanziamento, nello specifico i progetti esecutivi, non cè da meravigliarsi molto considerato le risorse tecniche del Comune di Agrigento, e le problematiche legate all’affidamento a tecnici esterni, esecutivo vuol dire cantierabile cioè persino il piano di sicurezza e coordinamento, e noi stiamo pur certi che queste risorse non le abbiamo abbiamo una serie di ignoranti nullafacenti accattoni………potrebbe anche avere ragione…….e credo che oggi il nero non può diventare bianco..non sarebbe corretto

  3. Mariuccia ha detto:

    Sodano che, come gli altri deputati pentastellati (ma lui per certi versi molto più degli altri), ha avuto l’immeritato onore di sedere in Parlamento dimostra la propria assoluta inadeguatezza.
    Fa bene il Direttore ad indignarsi.
    Michele Sodano, infatti rappresenta in pieno quella tanto criticata figura del politico nominato che dall’alto che deve la propria fedeltà non al Popolo, ma a chi ha deciso (perchè?) di metterlo lì su quello scranno parlamentare.
    Altri al suo posto avrebbero lottato con le unghie e con i denti per la loro città.

  4. Andrea ha detto:

    Sarebbe interessante conoscere l’elenco delle iniziative previste nel progetto Girgenti e come si arriva ai 33 Milioni

  5. Angelo ha detto:

    On. Sodano perché non ti fai spiegare da Ottavio, tuo padre, come stanno le cose? Sei ancora piccino. Devi crescere. Vattene in Norvegia

  6. Filippo ha detto:

    Alla prima uscita il ragazzino la fa fuori dal vaso, dimostrando tutta la sua inadeguatezza!

  7. Rosy ha detto:

    Articolo fantastico e soprattutto veritiero. Complimenti Direttore Castaldo

Commenti chiusi