| | letto 64 volte |

Assemblea regionale CNA

Un nutrito gruppo della Cna agrigentina ha partecipato ieri a Palermo, alla presenza del segretario nazionale Sergio Silvestrini e del vice presidente nazionale, il saccense Giuseppe Montalbano, all’assemblea regionale della Confederazione che quest’anno celebra il 70° anniversario della fondazione. A guidare la delegazione, in tutto 25, in rappresentanza dell’intero territorio, c’erano i vertici della Cna provinciale: il segretario Piero Giglione e il presidente Mimmo Randisi. Ai lavori, oltre alla governance siciliana dell’Associazione, i cui massimi esponenti sono Giuseppe Cascone e Mario Filippello, hanno dato il loro contributo il vice presidente della Regione, Mariella Lo Bello, che è anche assessore alle Attività produttive, Davide Faraone, sottosegretario al Miur, e Giancarlo Cancelleri componente della commissione Attività Produttive all’Ars. “E’ stato un momento di confronto, sia interno che con le istituzioni, certamente positivo e costruttivo – spiegano Giglione e Randisi – occasioni che consentono alle imprese e agli artigiani associati di ritrovarsi e misurarsi anche sulle nuove sfide, e alla Confederazione di rilanciare e approfondire pubblicamente temi di grande rilevanza alle orecchie di chi ha responsabilità di governo a vario livello, i cui riflessi segnano il solco attuale e quello futuro dell’intera categoria. Nel corso dell’assemblea sono state premiate le ‘storia artigiane’ più significative: 9 giovani protagonisti di nuove attività e imprese start-up, e 9 “anziani” che nel corso della loro carriera hanno creato realtà produttive particolarmente rilevanti. Due gli agrigentini che hanno portato a casa l’importante riconoscimento. Gerlando Terrazzino, che opera a Raffadali nel comparto dei serramenti e produzione di infissi, è stato scelto per essere ormai un veterano: partito nel 1972 con una piccola azienda artigianale, oggi è leader del settore nella provincia di Agrigento e non solo. Per la “categoria novità” è stata premiato il marchio “SardaSalata”, una pizzeria di Licata di grande qualità, rappresentata per l’occasione da uno dei soci, Giuseppe Patti. In due anni di vita la sua particolare attività, legata all’utilizzo di prodotti del territorio e ad alcune specifiche tecniche di lavorazione, ha raccolto apprezzamenti e soddisfazioni in giro per l’Italia e l’Europa. “Queste celebrazioni – affermano Giglione e Randisi – sono il segnale di un positivo fermento e di una marcata vivacità che si respirano dentro la Cna che vuole, anche in questo modo, alimentare e stimolare la cultura del lavoro serio, di qualità, abbinato all’intraprendenza e all’esperienza. Valori che noi diffondiamo, esercitiamo e pretendiamo. E oggi, forse non è un caso, a dimostrazione della nostra credibilità e del forte legame con i territori e i sistemi produttivi, che il 18.42% di nuove imprese degli albi camerali hanno scelto negli ultimi anni di iscriversi alle sedi territoriali. In quelle di Agrigento complessivamente, facendo riferimento ai 12 mesi passati, – concludono Giglione e Randisi – il dato che emerge è straordinario: abbiamo accolto un centinato di ingressi, tra imprese e artigiani”.

20161112-111445.jpg

Commenti chiusi