| | letto 674 volte |

Arresto Burgio,i dettagli

L’ imprenditore agrigentino, Giuseppe Burgio, 52 anni, è stato arrestato dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Agrigento, capitanato dal tenente colonnello Fabio Sava e dal colonnello Massimo Sobrà. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Agrigento, tramite la sostituto procuratore Brunella Sardoni, nell’ ambito dell’ inchiesta cosiddetta “Discount” sui fallimenti di 4 società che si ritengono legate a Giuseppe Burgio, e che sono la Gestal srl, la Ingross srl, la CDA spa, e la GsB srl. Le stesse 4 società sono fallite tra il dicembre 2011 e l’ ottobre 2012. Ebbene, le Fiamme Gialle avrebbero rilevato la distrazione di ingenti beni patrimoniali, per decine di milioni di euro, tramite vari artifizi materiali e contabili : la sottrazione di denaro dalle casse della società, poi operazioni finanziarie e compravendite tra società collegate per drenare liquidità, e poi la falsificazione delle scritture contabili se non, in alcuni casi, la loro distruzione o sottrazione. In ragione di ciò, come invocato dalla Procura della Repubblica di Agrigento, adesso alle redini di Luigi Patronaggio, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale ha firmato una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Giuseppe Burgio, contestandogli la bancarotta fraudolenta a danno delle 4 società Gestal, Ingross, CDA e GsB. I fallimenti avrebbero procurato danni ai creditori sociali per quasi 50 milioni di euro, e le distrazioni ipotizzate ammontano a oltre 13 milioni di euro. Si è inoltre proceduto al sequestro preventivo di quote sociali che l’ imprenditore Giuseppe Burgio ha detenuto in altre società per 530mila euro, e di altri rapporti finanziari, di diversa tipologia, intestati o riconducibili allo stesso Burgio. Al microfono di Irene Milisenda ascoltiamo Luigi Patronaggio, Massimo Sobrà e Fabio Sava

fonte teleacras

1 Risposta per “Arresto Burgio,i dettagli”

  1. memoria lunga scrive:

    ma non andava in barca e dava la casa ad un pezzo grosso delle forze di polizia sempre vicini vicini x questo e stato trasferito ma quando tornava erano sempre insieme aiiiiiiiiiiii aiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii spero che la giustizia faccia avere i soldi ai lavoratori che ancora aspettano vergogna uscire con barche e macchine lusuose e chi sapeva ci usciva tranquillamente senza russore giustizia

Commenti chiusi