| | letto 4.281 volte |

Arnone, ricorso al Riesame e prosecuzione termine domiciliari fino al 10 gennaio

20161122-125504.jpg

I difensori dell’ avvocato Giuseppe Arnone, arrestato per estorsione lo scorso 12 novembre, gli avvocati Arnaldo Faro e Carmelita Danile, hanno impugnato innanzi al Tribunale del Riesame l’ ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, che lo scorso 15 novembre ha convalidato l’arresto di Arnone concedendogli gli arresti domiciliari. E’ atteso, pertanto, il verdetto del Tribunale del Riesame. Nel frattempo, oggi, martedì 22 novembre, in Tribunale ad Agrigento è stata in calendario la prima udienza preliminare per estorsione a carico dell’ avvocato Francesca Picone, alla ribalta delle cronache per avere denunciato Arnone provocandone l’arresto. Ebbene, l’ udienza è stata rinviata, per eccezioni formali, al prossimo 10 gennaio, e, di conseguenza, anche i domiciliari di Arnone sono mantenuti in prosecuzione fino al prossimo 10 gennaio. Infatti, il Gip Provenzano, nell’ ordinanza di convalida, ha scritto testualmente che i domiciliari a carico di Arnone sarebbero stati mantenuti fino alla definizione del procedimento preliminare a carico dell’ avvocato Picone. Quindi, fino a quando non interverrà il rinvio a giudizio o il proscioglimento dell’ avvocato Picone. Ovviamente, se il Tribunale del Riesame si pronuncerà diversamente dal Gip Provenzano, si procederà diversamente, salvo il ricorso in Cassazione.

Lascia un commento