| | letto 44 volte |

AKRAGAS, 3 PUNTI PER RESTARE A GALLA. UNA VITTORIA CHE MANCA DA 60 ANNI

L’Akragas si appresta ad affrontare in casa la Juve Stabia, una gara molto importante ai fini del proseguo del campionato. La sconfitta di Cosenza, infatti, ha fatto sprofondare gli agrigentini in piena zona playout e per questo sarà fondamentale battere i campani, per evitare un finale drammatico e una retrocessione in serie D, come affermano anche gli specialisti di scommesse sportive che tilano i pronostici sulla Lega Pro.
Dal canto loro le “vespe” di Castellamare di Stabia sono tornate alla vittoria interna domenica scorsa contro la Fidelis Andria, dopo ben 4 mesi di diguno, durante i quali avevano raccolto una sola vittoria sul campo della Vibonese.
Per l’Akragas dunque non sarà facile, soprattutto se si considera che la vittoria ha ridato fiducia all’ambiente stabiese che vuole salvare la stagione, confermando la partecipazione ai prossimi playoff. Ma per l’Akragas,che vede il ritorno in società di Giavarini, la partita contro la Juve Stabia significa il tutto per tutto, con la speranza di non dover tornare a giocare in casa per difendere la categoria.
All’andata in Campania finì 1-0 con una rete di Kanoutè che diede alla propria squadra la doppia gioia dei 3 punti e di un primato in classifica che pian piano è sfumato negli ultimi 4 mesi. Lo scorso anno invece la Juve Stabia si impose sia all’andata che al ritorno con un netto 0-2 in Sicilia e un 3-1 al Menti.
La prima sfida tra le due compagini risale al lontano 1957 in serie D, quando gli agrigentini vinsero per 2-0 davanti ai propri tifosi. Da allora l’Akragas non ha mai più battuto la Juve Stabia. Il bilancio totale infatti vede 6 vittorie delle “vespe”, 4 pareggi e, appunto, una vittoria dei siciliani.

20170501-182048.jpg
Anche per questo la società vuole tutti allo stadio. L’Esseneto si preannuncia gremito anche grazie alla campagna della società che ha fissato i prezzi del biglietto d’ingresso a 3 euro per incentivare i tifosi a spingere la squadra verso una vittoria che significherebbe salvezza.
Se si guarda solo alla classifica attuale, la gara potrebbe rivelarsi proibitiva per gli uomini di Di Napoli. D’altronde, nonostante tutto, la Juve Stabia resta pur sempre la quarta forza del campionato. Se si considera invece il girone di ritorno, Akragas e Juve Stabia, nelle ultime 17 partite sono in perfetto equilibrio avendo raccimolato entrambe 21 punti.
Inoltre l’Akragas ha dimostrato in questo campionato di riuscire a sfoderare belle prestazioni contro le grandi, come dimostra anche la partita di Cosenza dove, nonostante la sconfitta, i biancazzurri hanno disputato un’ottima partita, mettendo spesso in difficoltà la retroguardia avversaria.
Inoltre, il fattore campo è risultato fino ad ora decisivo nel cammino dell’Akragas: sul proprio campo infatti, gli uomini di Di Napoli hanno ottenuto importanti vittorie come quelle contro Catania, Matera, Siracusa e Casertana. Prendere i 3 punti contro la Juve Stabia dunque è vitale per la squadra biancazzurra che poi dovrà chiudere ogni discorso sul difficile campo di Monopoli.
Per quanto riguarda le ultime dai campi, ancora out nell’Akragas gli infortunati Pezzella e Cochis, mentre per i campani, alle defezioni forzate di Atanasov, Montalto e Rosafio si vanno ad aggiungere le squalifiche di Cancellotti e Kanoutè, assenze che potrebbero rivelarsi pesanti per l’11 di Carboni.

Tags: ,

Commenti chiusi