| | letto 520 volte |

Agrigento, l’ing. Orlando demolisce il pentito Tuzzolino: “Solo un bugiardo. Risponde ai giudici con frasi tratte da film”

Tre ore di fittissimo interrogatorio avanti il pubblico ministero Salvatore Vella (coadiuvato dal maresciallo Gdf, Valenti) che sta conducendo l’inchiesta sugli abusi (e massoneria) di Lampedusa.
A chiedere formalmente di essere interrogato è stato l’ing. Sandro Orlando (assistito dall’avv. Giuseppe Scozzari) tirato ripetutamente in ballo dal pentito Giuseppe Tuzzolino (che ha querelato ripetutamente) sia nei verbali resi all’A.g. sia in udienza, il 23 marzo scorso davanti il collegio presieduto da Giuseppe Miceli (che sta processando la presunta cricca di Lampedusa).
Infatti, Sandro Orlando è stato iscritto nel registro degli indagati dal Pm Vella (insieme allo stesso Tuzzolino, all’ing. Giovanni Romiti di Politecnica, all’arch. Calogero Baldo ed al medico-massone Salvatore Castellino) perché in concorso tra loro corrompeva De Rubeis Bernardino, nella qualità di sindaco del Comune di Lampedusa, Gabriele Giuseppe, nella qualità di dirigente dell’Ufficio tecnico comunale del Comune di Lampedusa e Giancone Gioacchino, nella qualità di consulente esterno del medesimo comune, al fine di far vincere alla società Politecnica Ingegneria ed architettura Soc. Coop.va, con sede in Modena, una gara a evidenza pubblica bandita dal Comune di Lampedusa per l’istruzione delle pratiche di sanatoria edilizia di immobili siti nel territorio del predetto Comune, gara effettivamente aggiudicata dalla suddetta ditta, dietro pagamento di una somma di € 20.000 in contanti elargita al De Rubeis Bernardino e con l’accordo di spartizione tra i soggetti sopra indicati dei futuri proventi illeciti, pagati in nero, dai privati cittadini che avanzavano richieste di sanatoria di immobili abusivi, che non avrebbero potuti essere sanati nel caso di rispetto effettivo delle norme di legge e regolamento in materia. Fatto commesso in Agrigento nel 2010.
Ed ancora: perché, in concorso con De Rubeis Bernardino, nella qualità di sindaco del Comune di Lampedusa, Gabriele Giuseppe, nella qualità di dirigente dell’Ufficio tecnico comunale del Comune di Lampedusa e Giancone Gioacchino, nella qualità di consulente esterno del medesimo comune, ricevevano denaro o altre utilità da privati cittadini proprietari di immobili nel Comune di Lampedusa, per emettere provvedimenti di sanatoria di immobili abusivi, che non avrebbero potuti essere sanati nel caso di rispetto effettivo delle norme di legge e regolamento in materia. Fatto commesso in Lampedusa in epoca successiva il 2011.
Sandro Orlando è stato un fiume in piena, più di Tuzzolino versione udienza del 23 marzo scorso.
Ha ribattuto punto per punto, evidenziando contraddizioni, lacune, menzogne.
E’ riuscito persino a provare come Tuzzolino abbia copiato facendole proprie frasi celebri da film per poi riportarle, con grande effetto, nelle aule di giustizia. E – nel caso specifico – Orlando coadiuvato dal suo difensore, Giuseppe Scozzari – ha tirato fuori la frase che Tuzzolino ha pronunciato davanti al Tribunale presieduto da Giuseppe Miceli. Questa: “In Massoneria bisogna capire che la teatralità e l’inganno sono strumenti importanti”.
Parola più parola meno quanto viene affermato nel film “Batman contro Bane – Il cavaliere oscuro” film del 2012 diretto da Christopher Nolan (questo lo spezzone del film dove vengono pronunciate le parole suddette).
Insomma, un serratissimo faccia a faccia con il Pm Vella ricco di colpi di scena e, soprattutto puntato da Orlando su un dato importante: Tuzzolino è un teatrale mentitore.
Nei prossimi giorni verrà interrogato, sempre su sua richiesta, anche l’ing. Giovanni Romiti.

Ha chiesto di essere sentito dal Pm, dopo aver presentato querela, anche l’agronomo Germano Boccadutri, assistito dall’avvocato Giuseppe Barba.

Tags: ,

1 Risposta per “Agrigento, l’ing. Orlando demolisce il pentito Tuzzolino: “Solo un bugiardo. Risponde ai giudici con frasi tratte da film””

  1. Ignazio ha detto:

    …in questa bella comitiva cu avi cchiossa’ avi assu

Commenti chiusi