| | letto 175 volte |

Agrigento, il Comune ammonisce la Provincia: “Verifiche su muro di via Esseneto”

Il Comune di Agrigento ha dato un mese di tempo al Libero Consorzio dei Comuni (Ex Provincia) per eseguire la verifica statica sul muro di sostegno lato sud via Esseneto e l’eventuale messa in sicurezza dello stesso manufatto.

Il perdurare della criticità,infatti, potrebbe determinare l’aggravarsi delle condizioni di pericolosità con conseguente possibile chiusura delle vie Esseneto e Verga. Ogni altro provvedimento emesso a garanzia della tutela pubblica sarà da addebitare alla Provincia considerato che,in tale evenienza, la soppressione di tali spazi comporterebbe occupazione del suolo comunale con relativa tassa Tosap da pagare.

La messa in sicurezza del muro è un problema non di certo recente. Già nel 2014 il settore infrastrutture del comune richiedeva l’intervento. La provincia, all’epoca, rispose che il muro non era stato realizzato dall’Ente. Il consigliere Pasquale Spataro, con una nota del marzo scorso, segnalava il pericolo di crollo del muro, confermato poi da un sopralluogo dei tecnici comunali il 4 aprile. Secondo le particelle catastali del comune il muro ricade nella proprietà dell’ex provincia e che quindi spetta a quest’ultima l’intervento di messa in sicurezza.

Il Comune di Agrigento ha dato un mese di tempo al Libero Consorzio dei Comuni (Ex Provincia) per eseguire la verifica statica sul muro di sostegno lato sud via Esseneto e l’eventuale messa in sicurezza dello stesso manufatto.

Il perdurare della criticità,infatti, potrebbe determinare l’aggravarsi delle condizioni di pericolosità con conseguente possibile chiusura delle vie Esseneto e Verga. Ogni altro provvedimento emesso a garanzia della tutela pubblica sarà da addebitare alla Provincia considerato che,in tale evenienza, la soppressione di tali spazi comporterebbe occupazione del suolo comunale con relativa tassa Tosap da pagare.

La messa in sicurezza del muro è un problema non di certo recente. Già nel 2014 il settore infrastrutture del comune richiedeva l’intervento. La provincia, all’epoca, rispose che il muro non era stato realizzato dall’Ente. Il consigliere Pasquale Spataro, con una nota del marzo scorso, segnalava il pericolo di crollo del muro, confermato poi da un sopralluogo dei tecnici comunali il 4 aprile. Secondo le particelle catastali del comune il muro ricade nella proprietà dell’ex provincia e che quindi spetta a quest’ultima l’intervento di messa in sicurezza.

SHARE

Previous articleBrutto incidente sulla Palermo-Mazara: un’auto cappottata, 2 feriti
Next articleOmicidio del favarese Sorce: un braccio fuori da finestrino col mitra in mano, almeno 10 i colpi sparati

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY



* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Commenti chiusi