| | letto 92 volte |

Agrigento, blitz “Alta tensione”: soldi per omettere controlli, concluse indagini, 20 indagati

La Procura della Repubblica di Agrigento ha notificato la conclusione delle indagini dell’inchiesta denominata “Alta tensione”. Sono 20 le persone nel mirino dei magistrati tra loro i due ex verificatori Enel, Giovanni Trupiano, 60 anni, di Agrigento, e Domenico La Porta, 63 anni, di Naro. I magistrati sospettano un giro di tangenti per chiudere un occhio sui controlli. In alcuni casi proprio i verificatori Enel avrebbero suggerito l’uso di allacci abusivi o l’uso di magnete sui contantori. La Porta e Trupiano sono accusati di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e tentata estorsione. L’indagine ebbe inizio dopo la denuncia di un gestore di una sala giochi. Tra gli indagati anche commercianti e imprenditori, accusati di furto e curruzione.

Commenti chiusi