| | letto 74 volte |

A Portella, convegno: Alle radici del segreto italiano

“A Portella furono protagonisti la banda Giuliano, composta in gran parte da banditi provenienti dal fascismo, come lo stesso Giuliano, e i servizi segreti americani”.

Lo ha dichiarato lo storico Nicola Tranfaglia che venerdì 19 maggio, dalle 15.30 interverrà a Palermo al convegno  ”Portella della Ginestra – Alle radici del segreto italiano” organizzato a partire dalle 15.30 dall’associazione Memoria e Futuro alla sala De Seta dei cantieri culturali della Zisa.

Si tende a parlare di Portella in una maniera che non analizza le reali cause della strage – ha aggiunto il professore Tranfaglia – la sparizione di Giuliano, che non è stato ucciso ma è andato negli Stati Uniti vivendo per molti altri anni e l’alleanza italiana con gli americani hanno fatto sì che di Portella si parlasse sempre meno. Poi abbiamo assistito alla fine dei grandi partiti e oggi siamo di fronte ad un’offensiva dei populismi. Sicuramente si può definire la prima trattativa tra istituzioni, mafia e forze eversive neofasciste”.

Al convegno, organizzato con la collaborazione di Anpi-Palermo, Libertà e Giustizia e l’Associazione Lumpen  e moderato da Aaron Pettinari, interverranno Ferdinando Imposimato, Armando Sorrentino, Franco Maresco e Giuseppe Lo Bianco. Nel corso dell’incontro saranno proiettati contributi video di Giuseppe Casarrubea, Goffredo Fofi, Maria Rosa Cutrufelli e l’attore Carmelo Galati leggerà brani di un testo corredato da documenti americani e inglesi di Mario J.Cereghino.Per info: Sandro Immordino (3402818655), Giorgio Mannino (3392667394)

Commenti chiusi