| | 453 views |

Joppolo Giancaxio, intervista al candidato sindaco Giuseppe Portella

Si torna a Joppolo Giancaxio per intervistare il candidato sindaco Giuseppe Portella. Primo cittadino uscente ha deciso di ricandidarsi. Leggiamo il perchè. 

Sindaco Portella, perché ha deciso di ricandidarsi?

“Ho deciso di ricandidarmi perché ritengo di continuare un progetto che cinque anni fa è stato programmato a lungo raggio. Ho guidato l’Amministrazione di Joppolo con grande spirito di abnegazione e sacrificio; ho presentato un progetto condividendolo con la comunità di Joppolo e avevo spiegato che occorresse del tempo per portarlo a compimento; fino all’estate scorsa non credevo che mi sarei ricandidato. Nel corso del tempo due motivazioni hanno influenzato la mia scelta. Il fatto che nella prima legislatura abbiamo avviato una serie di progetti ed iniziative che non potevano essere lasciate alla gestione di altri soggetti con il rischio di mettere in discussione la loro realizzazione ed il loro potenziamento, per quelle già avviate; la spinta alla ricandidatura da tanti cittadini Joppolesi, dagli amici e da una parte di coloro che mi hanno sostenuto in questi cinque anni. Ho riflettuto abbastanza prima di prendere una decisione perché fare il sindaco in un paese, con poche risorse economiche ed umane non è semplice. Ho dovuto sacrificare parte della mia vita privata e professionale”.

Quindi una sorta di continuazione?

“Si. Ci sono alcuni progetti in corso di realizzazione altri sono in attesa del completamento dell’iter burocratico per la piena attuazione. Abbiamo in corso un finanziamento per la sistemazione del centro cittadino, la piazza ed alcune vie limitrofe; la sistemazione dell’impianto elettrico attraverso un projetfinancing con la realizzazione di una vasta area di video sorveglianza ed una vasta area di wifi gratuito a disposizione della popolazione; un finanziamento per la ristrutturazione dell’ edificio scolastico; l’acquisto di un enorme locale di proprietà della Parrocchia ed attualmente inutilizzato e fatiscente, che diventerà fruibile; la gestione ed il potenziamento della Magna Via Francigena; attuazione di progetti che facciano sviluppare il turismo e la promozione del territorio e delle attività che in esso sono presenti”.

Cosa è la Magna Via Francigena?

“E’ una delle realizzazioni di cui sono fortemente orgoglioso e contento. Ho creduto in un progetto che faceva del territorio di JoppoloGiancaxio, uno degli attraversamenti da parte dei Pellegrini che partono a piedi dalla Cattedrale di Palermo e raggiungono la Cattedrale di Agrigento. Sono camminatori che arrivano da ogni parte d’Italia e d’Europa e si attende l’arrivo di almeno altri 1.500 nel corso dell’estate. Noi sappiamo della prenotazione perché chi si accinge al viaggio richiede le credenziali. Queste persone muovono un poco la nostra economia perché dormono a Joppolo, mangiano nei nostri locali, consumano nei bar, ecc. La nostra scommessa sarà quella di riuscire ad intercettarne il maggior numero possibile e fare in modo che crescano i tempi di permanenza a Joppolo. Ci sto lavorando e ci lavorerò, perché ritengo che possa essere un punto di sbocco economico per tanti cittadini”.

Una nuova squadra pronta a confrontarsi con la realtà joppolese.

“Già, e che squadra! Tutti i candidati rappresentano il mio orgoglio. Credo di aver messo su un gruppo di persone, universalmente riconosciute come laboriose e perbene, che sono certo mi daranno una grossa mano di aiuto per far continuare a volare Joppolo Giancaxio. Abbiamo rivolto attenzioni per tutti. Dai piccoli agli anziani, dai turisti ai pellegrini, dai nostri prodotti alla vivibilità del piccolo centro agrigentino, guardando sempre con assoluto rispetto verso la natura”.

A proposito di natura, recentemente è stato aperto il Parco Avventura, cento passi Pippo Fava.

“Anche quella è una bella risorsa per Joppolo. Abbiamo ottenuto un finanziamento, neanche troppo elevato dal GAL Valle del Platani. Una zona degradata del paese è stata trasformata in un giardino bellissimo che accoglie un’area attrezzata, due percorsi acrobatici, uno per i bambini ed uno per gli adulti e tante altre attrazioni per le famiglie e i bambini che vogliono passare una giornata a contatto con la natura. La gestione è stata affidata, dopo regolare bando, ad una cooperativa. In poco tempo di attività centinaia di persone l’hanno frequentata ogni giorno. E’ diventato un’occasione di lavoro”.

In un recente comizio ha detto che continuerà a dimezzare tutti i costi dell’attività amministrativa.

“Confermo. E’ assai difficile oggi come oggi poter amministrare, le difficoltà economiche sono pesanti. Noi, nel nostro piccolo, cercheremo di contribuire a rendere meno amare queste difficoltà. Amministrare non è un lusso ma sacrificio e tanto, tanto lavoro”.

Un pensiero agli elettori. Perchè dovrebbero votare lei e non il suo avversario?

“Perché non si può mettere a rischio la realizzazione di quanto programmato. I cittadini sono contenti di quanto è stato fatto nel corso dei cinque anni precedenti. La serietà e la professionalità della squadra che mi affianca sono una garanzia di successo per il miglioramento delle condizioni di vita del nostro paese”.

(la foto è di Piero Sacco)

1 Risposta per “Joppolo Giancaxio, intervista al candidato sindaco Giuseppe Portella”

  1. giuseppe ha detto:

    Signor Sindaco Portella e fortunatissimo ad avere accanto a Mimmo Migliara persona intelligente e buona.

Commenti chiusi