| | 1 views |

22 aprile Giornata della Terra Legambiente racconta le storie del consumo di suolo in Italia

22 aprile Giornata della Terra

Legambiente racconta le storie del consumo di suolo in Italia

e promuove la raccolta firme di People4 Soil per una legislazione comunitaria sul suolo


Tutelare il suolo è il primo modo di proteggere uomini, piante e animali. Ogni anno in Europa spariscono sotto il cemento mille chilometri quadrati di suolo fertile, un’estensione pari all’intera città di Roma. Per raccontare l’entità del consumo di suolo in Italia, Legambiente ha raccolto nel dossier Suolo minacciato, ancora cemento oltre la crisi, una serie di storie di “suolo consumato”. E per la Giornata della Terra, il 22 aprile, l’associazione si mobilita in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare promossa dalla rete di ong europee People4Soil.

La petizione – che può essere firmata anche online su www.salvailsuolo.it – chiede che l’Unione europea introduca una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come un patrimonio comune. Il traguardo da raggiungere è un milione di firme in tutta Europa entro il 12 settembre prossimo; 54mila le firme necessarie per raggiungere il quorum in Italia.

In Italia, a maggio 2016 la Camera dei deputati ha approvato la legge sul contenimento del consumo di suolo, che da allora è però ferma al Senato. Per il nostro e per tutti gli Stati membri dell’Unione serve urgentemente un riferimento normativo chiaro che ponga limiti alla trasformazione di nuovi suoli e spinga la rigenerazione urbana.

Nel dossier Suolo minacciato, ancora cemento oltre la crisi, viene raccontata, per la Sicilia, la vicenda che riguarda un lembo di area costiera classificato come Sito di Interesse Comunitario, tra Punta Religione e Marina di Modica, protetto dalla direttiva Habitat per la presenza di ambienti preziosi e vulnerabili, che ha visto ripartire le ruspe (già bloccate nel 2006) per la realizzazione di un complesso turistico di 40.000 metri quadri di superficie, di cui 3000 metri quadri di edifici.

Tags:

Commenti chiusi