| | letto 67 volte |

 La Uil di Agrigento dopo la riunione con gli iscritti ribadisce: “giù le mani dai lavoratori della nettezza urbana”

14956561_10208732030790541_6022321892091646045_n

La Uil di Agrigento con il segretario generale territoriale Gero Acquisto e con il segretario territoriale dei trasporti Nino Stella ha incontrato, sulla vertenza nettezza urbana al Comune, i lavoratori iscritti al sindacato per fare il punto della situazione alla luce di una possibile crisi occupazionale che non soddisfa né la forza lavoro né l’organizzazione sindacale, annunciando da subito lo stato di agitazione dei netturbini.

“Annunciamo subito, dicono i due sindacalisti, lo stato di agitazione dei lavoratori del comparto dopo le dichiarazioni dell’Amministrazione Comunale su ipotesi della riduzione del quinto dell’appalto del servizio di raccolta,spazzamento e conferimento della nettezza urbana al comune di Agrigento,che potrebbe avere conseguenze nefaste sulla garanzia dei livelli occupazionali,che vogliamo subito scongiurare.Alla luce già di precedenti situazioni poco rassicuranti,non vogliamo assistere a nuove azioni che possano riverberarsi negativamente sul personale e le loro famiglie.Infatti la Uil ha più volte scritto e ribadito a questa amministrazione comunale che gli aspetti occupazionali non devono essere toccati assolutamente,come prevede la normativa vigente,(il Ccnl,la Legge regionale 9/2010 e l’accordo quadro sottoscritto da tutti i soggetti in campo),che ha dato in maniera chiara una serie di garanzie e tutele ai lavoratori che non possono essere smontate sic et simpliciter.Tanto è vero che questa confederazione ha richiesto un incontro urgente all’Amministrazione comunale proprio per sedersi ad un tavolo ed evitare sorprese o fughe in avanti unilaterali da parte di qualcuno che vede come la strada della spending review dell’appalto dei rifiuti possa riguardare dei tagli anche al personale”

Tags:

Commenti chiusi